https://muster-dikson.com/images/product/2/9/5/5/2955_icon.jpg

118

Désiré

Cielino emozionale per trattamenti di cromoterapia.

Tecnologia LED ecology system = basso consumo energetico. 

Provvisto di telecomando per bloccare la Cromoterapia sui colori primari o per commutare sul programma automatico di variazione cromatica in sequenza.

Completo di cordino in acciaio da utilizzare per la pendinatura.

Dimensioni: 80x80cm.

Alimentazione: 230V ~ 50 Hz - 6,5W.


Condividi su:



Che cos’è la cromoterapia?

 

Secondo la fisica moderna che osserva i corpi illuminati da una sorgente di luce bianca, siamo indotti ad attribuire ad essi un colore per la diversa sensazione che l’occhio ne riceve.

Il colore dei corpi non e quindi da intendersi come una loro esclusiva proprietà, ma come un qualcosa dipendente da tre elementi: sorgente luminosa, oggetto, occhio.

Psicologi e fisici si sono trovati d’accordo nell’affermare che il colore è una sensazione visiva che si ha quando determinate onde elettromagnetiche stimolano la retina.

Dalla diversa lunghezza di queste onde dipende la varietà dei colori.

Componendo un raggio di luce bianca per mezzo di un prisma, si ottengono i colori fondamentali: rosso, arancio, giallo, verde, azzurro, indaco e viola.


Frequenze dei colori

 

La luce, nei suoi sette colori che la formano, è energia radiante visibile. Essa viaggia nello spazio sotto forma di onde vibratorie che si diversificano tra loro in base alle lunghezze d’onda misurate. L’occhio umano riesce a percepire solo radiazioni comprese tra 4000 e 8000Å (angstrom).

Ogni fascia di lunghezza d’onda corrisponde a un colore ed ha una specifica azione terapeutica:

rosso: 620 nanometri;

arancio: 589 nanometri;

giallo: 551 nanometri;

verde: 512 nanometri;

blu: 475 nanometri;

indaco: 449 nanometri;

viola: 423 nanometri.

Al di sotto del viola troviamo l’ultravioletto e al di sopra del rosso l’infrarosso. La quantità di energia di ciascun colore è inversamente proporzionale alla lunghezza d’onda. Più è alta la lunghezza d’onda, più forte sarà la penetrazione cutanea e minore la carica energetica. Ne deriva che il rosso è il colore più penetrante e a seguire l’arancio, il giallo, il verde, il blu, l’indaco e il viola. Quest’ultimo arriva a profondità limitate, ma infonde un’alta quantità di energia.